Le relazioni di genere

Come reagire di fronte all’insubordinazione o alla contestazione nei confronti dell’autorità femminile da parte di giovani/studenti/accolti?

Giovani/studenti/accolti non accettano l’autorità dell’insegnante o dell’educatrice e mostrano scarso rispetto nei loro confronti in quanto donne.

Risposte possibili:

Esistono fattori culturali che ostacolano la comprensione del concetto di “parità di genere” tra uomini e donne. Per alcuni studenti provenienti da altri Paesi, inoltre, l’incontro con la figura femminile in Italia può creare incomprensioni e difficoltà di approccio nelle relazioni interpersonali. Aiutare giovani/studenti/accolti, dialogando con essi, a comprendere il tema della parità di genere è una questione di grande rilevanza educativa e sociale ed è importante che imparino a rispettare ugualmente donne e uomini nell’esercizio delle loro funzioni qualunque sia il campo in cui tale ruolo si esprime (educativo, giudiziario, familiare, ecc.).

Nel contesto scolastico, è importante avvisare il dirigente scolastico e avere un dialogo con le famiglie degli studenti coinvolti. Nei casi in cui tale situazione si presenti anche con i genitori degli studenti, i quali assumono lo stesso atteggiamento del figlio o dei figli in merito al non riconoscimento dell’autorità femminile, è utile ricorrere a educatori e insegnanti di sesso maschile che vadano ad affiancare le colleghe di sesso femminile negli step iniziali del colloquio, in modo da potere gradualmente instaurare un contesto di maggiore fiducia che possa permettere ai professionisti coinvolti di acquisire quante più informazioni possibili per meglio comprendere come gestire la situazione.

Lo svolgimento di programmi di studio interdisciplinari su questo tema in ambito scolastico è da considerarsi quale strumento importante. Tali programmi possono includere:

 

  1. Uno studio degli articoli della Costituzione italiana in tema di parità di genere, in particolare gli articoli 3, 37 e 51.
  2. Lezioni e discussioni sulla storia dell’emancipazione femminile dal 1946 a oggi.
  3. Lezioni di letteratura italiana femminile con lettura e dibattito attorno a poesie e romanzi scritti da poetesse e donne scrittrici.
  4. Lezioni su pensiero e opere di donne nella storia dell’arte.

 

È importante tenere presente che questa tematica può suscitare reazioni emotive molto forti, pertanto è sempre consigliabile avvalersi di mediatori culturali e psicologi nei casi in cui gestire la componente emozionale e culturale diventi un ostacolo difficile da superare per l’insegnante.

 

Tali programmi possono naturalmente avere luogo anche al di fuori del contesto scolastico coinvolgendo gli esperti necessari nelle varie discipline e settori.

A scuola come nei centri di aggregazione giovanile, insegnanti e operatori possono avvalersi dell’esperienza di associazioni esterne specializzate sulle questioni della parità di genere. Alla fine di questa guida, nella sezione “A chi rivolgersi?” il lettore può trovare un elenco di associazioni utili allo scopo.

europe logo white

THE E-LEARNING TOOL

EUROGUIDE EU flag

This project is co-funded by the Internal Security Fund of the European Union – GA N° 871038