IDENTITÀ E SOCIETÀ​

Come reagire di fronte a giovani/studenti/accolti che visionano o distribuiscono materiale di propaganda estremista e violenta in classe o al di fuori della scuola?

Giovani/studenti/accolti visionano e mostrano ai propri compagni e amici materiali testuali, video o audio dai contenuti violenti e, in alcuni casi, legati a propaganda terroristica.

Risposte possibili:

Sia nel contesto scolastico che al di fuori di esso, è importante che insegnanti e operatori del sociale tentino di comprendere bene la natura del materiale in oggetto. In alcuni casi, è possibile che le ragazze o i ragazzi coinvolti subiscano una fascinazione nei confronti di materiale che può, simbolicamente, rappresentare un desiderio di trasgressione o di provocazione, specialmente in una fase come quella adolescenziale. Mostrarlo ai propri compagni o, in generale, ai propri amici, può nascondere il desiderio di rendersi più interessanti ai loro occhi. È comunque sempre importante intervenire prontamente per fermare la visione e la diffusione di tale materiale, specialmente in ambiente scolastico. Parallelamente, anche attraverso il dialogo con gli interessati e con le relative famiglie, è fondamentale chiarire bene la natura dei contenuti e le motivazioni sottese a tale gesto, al fine di scongiurare i molti possibili rischi correlati a tale atto.

Se si tratta di propaganda estremista a carattere fortemente violento (esecuzioni di civili, decapitazioni, ecc.), nel contesto scolastico è importante informare il dirigente affinché possano essere messe in moto le procedure di allerta, segnalazione e sanzione a seconda dei casi specifici. Le famiglie delle ragazze e dei ragazzi coinvolti devono essere informate. In caso di materiale propagandistico a contenuto terroristico diffuso pubblicamente da giovani/studenti/accolti attraverso la rete Internet potrebbe infatti configurarsi il reato di apologia di terrorismo.

La visione e la diffusione da parte di giovani/studenti/accolti di video o altro materiale di propaganda estremista può essere l’occasione per lavorare in classe sull’analisi dei discorsi propagandistici e sulla loro possibile decostruzione, attingendo, ad esempio, ai molti casi storici disponibili.

europe logo white

THE E-LEARNING TOOL

EUROGUIDE EU flag

This project is co-funded by the Internal Security Fund of the European Union – GA N° 871038